collegamento al sito nazionale dell' ARI

immagine di benvenuto


operatore Giovanni

Traslate into English I0JFE Site

collegamento al sito della sezione ARI di Terni

collegamento al sito del Ministero delle Comunicazioni - Ispettorati Territoriali

chi sonola mia citta

cerca nel sitoguestbook

separatore

torna alla home page > Lo Stack di Yagi
Corpo testo

Domenica 9 marzo 2003, ore 5 e 15 della mattina. Parto in auto da Rieti in direzione Terni dove mi attende Adolfo, IK0DDP, per raggiungere insieme Modena, per la precisione Bastiglia, dove si tiene il XLV symposium VHF e superiori. La sezione di Terni sponsorizza il contest di maggio e perciò dobbiamo premiare le diverse categorie; inoltre avendo partecipato a tutte le gare, e giunti primi nella categoria 1D, dobbiamo ritirare premi sia dalle sezioni sponsor sia come trofeo ARI. A Bastiglia ci sta aspettando I0WBX, Augusto, titolare del nominativo con il quale abbiamo partecipato ai contest.

Dopo quattro ore di viaggio raggiungiamo Bastiglia, immersi nella nebbia e sotto un sole pallido ed appena visibile; quanta differenza con le mie zone, dove a quest'ora certamente l'astro brilla in un cielo limpido e terzo.

Per primo incontriamo IW3RI e poi I2CFR, I5PVA, IK5ZWU, IK5AMB con i quali ci mettiamo a chiacchierare di contest, apparecchiature e quant'altro. L'occasione é buona per scambiarci pareri: basta una parola per capirci. Al termine siamo pieni di idee per migliorare i nostri setup ed essere sempre più competitivi.

Il resto dell'incontro prosegue con il pranzo, le premiazioni e una simpatica estrazione di premi, dove il mio biblietto sembrava sparito chissa dove e soltanto dopo un'approfondita ricerca sbucava da sotto il tavolo e mi consentiva di portare a casa il premio consistente in due bottiglie di ottimo elettrolitico; c'è da dire che i premi erano più dei partecipanti.

Lo stack di yagi

Tra gli argomenti discussi un punto controverso é risultato quello delle spaziature per montare le quattro antenne tonna 17 elementi che usiamo nei contest.

Come é noto l'area di cattura di un'antenna dipende dal guadagno e la spaziatura per montare due antenne é direttamente proporzionale all'area di cattura stessa; per cui la spaziatura dipende dal guadagno della singola antenna.

Sul sito web di F9FT si trovano le spaziature consigliate per montare due o quattro antenne 17 elementi che corrispondono a metri 3,85 sul piano E e metri 3,74 su quello H.

Si tratta di verificare queste spaziature e ci aiuta la tecnologia sotto forma del software MMANA reperibile all'indirizzo http://www.qsl.net/mmhamsoft/.

Una possibilità prevista dal programma é quella di mettere insieme più antenne, tutte uguali, sia sul piano orizzontale sia su quello verticale.

Per far ciò clicchiamo su edit e poi su Make Stak.

Supponiamo di voler accoppiare quattro antenne, due sul piano orizzontale e due su quello verticale.

Clicchiamo sul numero delle antenne, togliamo le due spunte e nei due campi inseriamo le misure alle quali vogliamo montare le nostre antenne. Con View vedremo lo stack e poi potremo eseguire il calcolo con Compute.

La prima cosa da fare é costruire con il computer un'antenna il cui guadagno sia il più possibile vicino a quello della 17 elementi tonna e cioé 15,7 dbi. Ci serviamo del software ANTENNE.ZIP di DL6WU.

Otteniamo le misure di un'antenna 14 elementi con un guadagno presunto di 15,83 dbi lunga 7,5 metri.

Provvediamo a trasformare le misure fornite dal software in coordinate, tramite CONVERTE.EXE .

Il file risultante, i più pigri lo trovano come misure , potrà essere gestito con MMANA.

Determiniamo i parametri della singola antenna che risultano essere:

F/B db

Max Gain dbi

Primi lobi laterali db

Secondi lobi laterali db

18,23

15,83

-18

-25

Come già spiegato costruiamo lo stack con quattro antenne. I dati che seguono si riferiscono alle diverse distanze sui piani E ed H utilizzate per i calcoli:

F/B db

Max Gain dbi

Distanza m.

Primi lobi laterali db

Secondi lobi laterali db

20

21,99

5,20

-6,5

-22

18,50

21,85

4,16

-10

-23

18,58

21,78

3,95

-11

-22

18,91

21,70

3,74

-12

-22

19,16

21,55

3,53

-14

-21

19,16

21,31

3,33

-16

-21

19,03

20,97

3,12

-19

-20

18,89

20,55

2,91

-23

-18

Risulta a questo punto chiaro che le spaziature suggerite da F9FT sono veramente un ottimo compromesso tra guadagno frontale e pulizia dei lobi in quanto se le aumentiamo otteniamo un aumento dei primi lobi laterali, mentre se le diminuiamo troviamo aumentati i secondi lobi laterali a scapito della pulizia del complesso.

Per completezza di informazione, DL6WU per questo tipo di antenne consiglia 4,078 m. sul piano E e 3,656 m. su quello H.

Questi sono i risultati secondo F9FT e DL6WU, il primo con misure minori sul piano E rispetto al secondo.

F/B db

Max Gain dbi

Secondo

Primi lobi laterali db

Secondi lobi laterali db

18,97

21,73 

F9FT

-11,5 

-22 

19,27 

21,77 

DL6WU

-10,5 

-23 

Giovanni Franceschini

indietrostampainvia a un amicotorna su

separatore

le news

 

  news
  • I0JFE informa
  • Cluster on line
  • Chat DX ON4KST
  • CC Cluster VE7CC-1
Agenda degli eventi, avvenimenti, incontri, scadenze
   
  rubriche   software  
             
  home made   le antenne   teoria  
             
  telegrafia   siti utili   attivita portatile  

separatore

© 2007-2013 I0JFE